Lettura condivisa
Lascia un commento

Condividere una lettura – 1

Condividere una lettura

“Ti è piaciuto Le otto montagne di Cognetti? Io ho appena finito di leggerlo.”

“Si, bellissimo. L’avevo già letto prima dello Strega.”

“Si, anche a me è piaciuto. Lo consiglio a tutti quelli che mi chiedono com’è.”

Ecco, questo potrebbe essere un dialogo-tipo tra due amici/conoscenti che, per fare due chiacchiere davanti all’aperitivo del venerdì sera, commentano le rispettive letture. E la conversazione, generalmente, va poco oltre alle domande-base e, soprattutto, alle risposte-standard: mi è piaciuto/non mi è piaciuto.

A pensarci bene, quando qualcuno ci fa domande su un libro, è difficile rispondere in un modo che non sia mi è piaciuto/non mi è piaciuto. Sono, appunto, domande-base per risposte-standard. Sono dentro di noi da sempre, da quando la nonna ci chiedeva se ci fosse piaciuta la storia di Cappuccetto Rosso. Si sono fossilizzate e sono diventate un automatismo, quel genere di automatismi che fanno parte dell’educazione, della forma, della gentilezza. Un po’ come quando si incontra qualcuno e gli si domanda “Come stai?” e la risposta-standard è quasi sempre “Bene, grazie. E tu?”

Queste sono conversazioni informali, cioè conversazioni che appartengono alla quotidianità, utili a rispettare le buone convenzioni di vita sociale e a ingannare il tempo quando si è in coda alle Poste, ad esempio.

Condividere realmente una lettura significa far evolvere la conversazione da informale a formale. E con formale non intendo l’utilizzare espressioni desuete alla Downtown Abbey. Intendo l’andare oltre alle convenienze, sfruttare al meglio la nostra percezione del tempo e dello spazio e fare tesoro del meraviglioso vocabolario che possiamo vantare.

A mettere nero su bianco questa importante differenza tra le due conversazioni è stato Aidan Chambers, autore pluripremiato di narrativa per ragazzi, studioso e docente inglese che ha fatto della promozione della lettura (in modo specifico rivolgendosi ai bambini) il suo obiettivo primario. Il testo a cui mi riferisco è Il lettore infinito, un saggio preziosissimo per tutti coloro che sanno quanto sia importante avere un buon rapporto con i libri e la lettura, oltre che per ogni educatore.

Sapere che ogni lettore può conversare meglio, impegnarsi a portare le proprie parole all’orecchio di chi lo circonda in modo responsabile e attivo, è l’elemento che può rincuorare tutti noi e dare un grandissimo aiuto a vivere una cultura di qualità, tutti i giorni.

E non sono soltanto i bambini a doverlo fare. Come delle spugne assorbono le parole dei grandi e gli strumenti che possiamo fornire loro diventano in breve un modus operandi concreto.

Gli adulti, invece, scoprono, così, un nuovo, interessante modo di parlare, di condividere.

Questo è il significato reale di condividere una lettura. Parlarne con altre persone argomentando, avventurandosi in terreni lessicali poco frequentati e dando al sentimento qualcosa in più del mi è piaciuto/non mi è piaciuto.

Testi citati:
Le otto montagne di Paolo Cognetti (Einaudi)
Il lettore infinito di Aidan Chambers (Equilibri Editrice)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.